Stare in ascolto richiede il coinvolgimento di tutti i sensi: se si guarda in volto l’interlocutore si ha una condizione più favorevole; con il tatto passa anche il calore, il ritmo, l’odore; infine, si può gustare ciò che l’altro dice. Il doppio canale di ricezione del nostro corpo ci permette di ascoltare in stereofonia voci, suoni, rumori cogliendo le più piccole sfumature di tono.
Corpo e mente, cuore e spirito, tutto concorre a favorire un pieno ascolto.
Da questo breve inciso nasce l’idea di collocare l’udito come ultima tappa di un percorso formativo traghettato attraverso i cinque sensi: un senso che tutti li contempla.
Niente come l’ascolto ha la forza di garantire, veicolare e migliorare qualsiasi processo terapeutico.
A livello pastorale, poi, l’ascolto è l’inizio della fede, generatore di speranza e promotore di carità.
Nel Convegno di pastorale della salute organizzato dall’Ufficio Nazionale CEI per la pastorale della salute a Bari dal 15 al 18 maggio 2023 ascolteremo il lamento, le ferite e le domande che affiorano nel mondo della salute e proveremo a tracciare criteri per potenziali risposte agli interrogativi che emergono da un ascolto fecondo.
Nel titolo risuona l’eco di espressioni bibliche che pongono Dio in ascolto del suo popolo e su quel modello gli operatori di pastorale della salute si mettono in ascolto del popolo a loro affidato: i sofferenti.

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi