Nel cammino alla riscoperta del significato che i sensi possono offrire alla pastorale della salute, dopo aver affrontato la vista e il tatto, il Convegno di Milano affronta il tema del gusto. Sedersi alla stessa tavola, oltre che ad assaporare insieme il cibo, vuol dire condividere la propria vita. Per lasciare una traccia della sua presenza nel mondo attraverso i secoli, il Signore Gesù scelse un banchetto simbolo di un sacrificio dal quale nasce la fraternità. La pastorale della salute recupera, con questo appuntamento, lo spirito  fondamentale della sua missione: riportare tutti ad un’unica mensa. Insieme ritrovare quel gusto per la vita che rende forti nell’affrontare le avversità. La cura delle buone relazioni che diventano sananti è lo strumento per realizzare questo obiettivo.

L’immagine del Convegno

Per affrontare il senso del “gusto”, tema complesso da rendere in connessione con quello della salute, si è scelto di procedere all’individuazione di un’iconografia che rappresentasse la materia prima alla base dell’alimento che più di tutti accomuna l’intera umanità e che maggiormente rappresenta la comunità cristiana: il pane.
L’immagine proposta è quindi un’elaborazione grafica di una mano in controluce che sfiora una spiga, a sottolineare il diretto rapporto fra natura e uomo, il cui intervento, illuminato da un sole di calorosa speranza, è capace di trasformare la realtà presente, dando vita all’alimento fondamentale per tutte le genti e simbolo stesso del Cristo.
La connessione dell’umanità intera, non ipotetica ma tangibile nel presente, è sottolineata dagli elementi grafici moderni che restituiscono un’idea di contatto e solidale interazione.

Matteo Borelli, per Nuova Editoriale Romani

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi